Italia

Nella lettura dei segni dei tempi e in risposta alle sollecitazioni che emergono là dove le Comi sono inserite, nel corso degli anni ci sono state tante iniziative di servizio particolari, alcune condotte in gruppo e quindi più specifiche, e in tanti posti di Italia: mensa degli operai, asili montessoriani a Pozzilli e a Roma, attività socio-missionaria a Villalba, presenza nella zona di Torpignattara  per un servizio di animazione e di aiuto ai poveri, centro di ascolto a S. Giovanni per gli immigrati stranieri, collaborazione per un progetto di evangelizzazione sul territorio a Messina.

In Italia la missionarietà della Comi si esprime innanzi tutto nell’impegno professionale, portato avanti con competenza e serietà. Il lavoro per la Comi è un modo per partecipare alla costruzione di una nuova umanità, basata sul rispetto della dignità della persona. Ogni tipo di professione apre verso una serie di relazioni, di amicizie, di presenze: è lì, in prima istanza, che la Comi è chiamata ad annunciare Cristo, attraverso una testimonianza a volte silenziosa, a volte più esplicita. Inoltre c’è il servizio negli uffici diocesani missionari, collaborazione nelle parrocchie, partecipazioni ad attività sociali: sono le esigenze del territorio che vengono assunte e diventano il dove e il come della missionarietà di un Istituto Secolare. Molto spesso, alcune di queste attività, come le missioni al popolo, sono portate avanti insieme agli Omi. Questa collaborazione con loro si è anche realizzata a livello di progetti di sviluppo nei paesi emergenti, nella missione ad gentes, nell’animazione giovanile, nel servizio con il Movimento Giovanile Costruire (MGC) e con l’Associazione Missionaria di Maria Immacolata (AMMI), le due realtà laicali legate ai missionari OMI.

sostienici1

Clicca per scoprire come poter contribuire alla missione delle COMI

Animazione

Animazione missionaria in una parrocchia

 

Commenti chiusi